Esegui la ricerca

Proloco di Lurate Caccivio

Benvenuti

Benvenuti nel sito web dell’ Associazione Pro Loco di Lurate Caccivio. Nostro compito presentare a voi visitatori il nostro paese e tutte le sue bellezze, nonchè gli eventi che si svolgeranno durante l’anno organizzati da noi e da tutte le altre associazione nel comune che fanno capo a noi.

Castello via De Gasperi visuale nord Ponte sul Lura

Lurate

Utente sconosciuto. Effettua il login

Proloco Lurate Caccivio -- link

prova

http://www.prolocoluratecaccivio.it/file_download/2/proloco_notizie_1_0-page0.jpg

Continua a leggere ->

file: proloco_notizie_1_0-page0.jpg [497,84kB]
Categoria:
download: 545proloco_notizie_1_0-page0.jpg

01 agosto 2016 | nessuna categoria |

Lurate Caccivio In Treno - Festa del Paese 2012

25 maggio – ore 20.45- Biblioteca comunale

Continua a leggere ->

14 maggio 2012 | nessuna categoria |

GITA A MONDOVI' (CN)

ProLoco di Lurate Caccivio
gita a
MONDOVI’ (CN)
Domenica 30 ottobre 2011

Continua a leggere ->

12 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata Degli Auguri 2011

scrivo altro

Continua a leggere ->

05 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata auguri 2010

Vi aspettiamo numerosi presso il teatro Pax alle ore 20,30 del 7 Dicembre!

Continua a leggere ->

13 novembre 2010 | nessuna categoria |

Nuovo sito online

Risulta online dal primo weekend di maggio il nuovo sito della proloco di Lurate Caccivio.
Questa nuova versione ricalca il nuovo stile grafico che si sta divulgando recentemente online denominato web 2.0 che attribuisce un più corretto uso della semantica al codice e una più semplificata gestione dei contenuti grazie all’uso di un CMS che, in questo caso è l’ottimo Textpattern

Continua a leggere ->

22 aprile 2009 | nessuna categoria |

In breve della provincia

Falcone-Borsellino, storia che continua «Una lezione speciale per voi giovani»

Casnate con BernateLa sala consiliare dedicata alla memoria dei magistrati antimafia

«Se ho paura di fare il magistrato? No, io sono lo Stato, i mafiosi devono avere paura di me». E’ stata una mattinata carica di significato quella di ieri per l’intitolazione della sala consiliare ai magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, un’iniziativa condivisa dal Comune di Casnate con il “Comitato sindaci Bassa comasca 5 dicembre 2014” alla presenza di alcune classi dell’Istituto comprensivo di Cucciago, Grandate e Casnate.

«Cos’è lo Stato? Non certo il participio passato del verbo essere - ha esordito il sindaco Fabio Bulgheroni davanti alla platea di studenti – per la maggior parte di voi forse questa è solo una targa, ma non è così. Falcone e Borsellino hanno dato il loro contributo anche a costo della vita per rendere il Paese in cui viviamo un posto migliore, così come fanno ogni giorno le autorità presenti oggi. Le mafie sono uno dei problemi principali dell’Italia. Crescendo si fanno delle scelte, quelle di ordine, sicurezza e legalità sono le più difficili da prendere, ma se ognuno fa il suo pezzetto per lo Stato e fa rispettare le regole, sarà tutto migliore».

E’ stata quindi scoperta la targa per l’intitolazione della sala consiliare a Falcone e Borsellino, proprio oggi ricorre il ventisettesimo anniversario della strage di Capaci dove perse la vita Falcone, il 23 maggio 1992. Il gruppo di studenti ha quindi potuto ascoltare l’importante testimonianza del magistrato Alessandra Cerreti, che fa parte della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano.

Diabolik è di Olgiate Fumetti all’istituto Terragni

Gli studenti del liceo hanno seguito un corso dedicato al celebre criminale delle sorelle Giussani e le loro tavole sono diventate un albo in 300 copie

Diabolik in copertina con alle spalle il centro congressi Medioevo. Tutto merito dei ragazzi dell’Istituto Terragni che hanno seguito il corso di fumetto tenuto da Daniele Statella, illustratore del celebre re del terrore creato dalle sorelle Angela e Luciana Giussani.

Le storie e le tavole realizzate durante il corso sono state pubblicate dalla casa editrice Astorina, in versione albo speciale a tiratura limitata “Diabolik-Colpo a Olgiate Comasco”. Una inedita e accattivante vetrina del territorio di Olgiate e del Comasco, paesaggi che fanno da sfondo alle vicende di Diabolik raccontate nel fumetto presentato con una mostra-evento proprio al Medioevo.

Alla inaugurazione della mostra delle tavole realizzate dagli studenti del Terragni, oltre allo stesso Statella, hanno partecipato gli autori Luigi Merati (illustratore di Diabolik) e il maestro Enzo Facciolo (disegnatore storico di Diabolik).

«Un gruppo di ventiquattro ragazzi (dalla prima alla quinta) da gennaio a marzo ha seguito un corso di fumetto di tredici ore con Statella – spiega Marina Adotti, insegnante di italiano e storia che ha coordinato il progetto – Statella ha proposto agli studenti di pensare e realizzare una storia che avesse come soggetto Diabolik, ambientata in un liceo o comunque nel Comasco. I ragazzi hanno ideato la storia, il fumettista li ha aiutati a formularla e a stenderla».

L’albo speciale “Diabolik-Colpo a Olgiate, stampato in trecento copie, raccoglie 12 storie (27 tavole) illustrate da Statella e dai ragazzi del Terragni. Un marketing del territorio decisamente artistico.

Lista d’attesa di 3 anni per il logopedista La protesta del papà-medico: «Troppo»

Da Rovellasca si era rivolto a Lomazzo e Saronno per una visita al figlio di neppure 6 anni «Il piccolo soffre di disprassia e non può aspettare così tanto. Ho dovuto andare dai privati»

«Ci vediamo tra tre anni». È quanto si è sentito rispondere Bartolomeo Rocco Monteleone, 59 anni, residente a Rovellasca e medico di base a Bregnano, quando si è rivolto alle strutture sanitarie locali, per un percorso sanitario per il proprio figlio di cinque anni e mezzo, che è disprassico, un disturbo che riguarda la coordinazione ed il movimento e che necessitava, di conseguenza, di un logopedista.

«Ho provato a rivolgermi sia al presidio sanitario di Lomazzo che a Saronno, da entrambe la parti mi è stato detto che c’erano da aspettare tre anni – racconta a questo proposito il medico di base – Sinceramente mi pare che sia un periodo di attesa veramente troppo lungo. Alla fine ho dovuto fare tutto a spese mie, perché mio figlio ha bisogno di un sostegno e di conseguenza non potevo attendere altro tempo».

Un caso limite? Non proprio, spiega il medico. «Una situazione - conferma - che, da quel che ho potuto vedere, accomuna tante altre famiglie». Monteleone si è chiesto infatti che cosa succede alle famiglie che non possono né permettersi di rivolgersi a strutture e professionisti privati né di aspettare tanto tempo.

«Ho ritenuto giusto parlare di quel che mi è accaduto non soltanto per rendere nota la mia situazione – spiega il medico - ma in un’ottica più generale. Penso anche a quei genitori che magari non sono in grado di pagarsi da soli le cure specialistiche in questione e, come nel mio caso, hanno bisogno che i propri figli siano seguiti. Non mi è poi mai capitato di vedere a Lomazzo logopedisti e i bambini che questi seguono, viene quindi spontaneo chiedersi come tale servizio viene concretamente svolto».

A Turate spuntano i vandali acrobati Imbrattano il soffitto con i mozziconi

Il portico di via Tinelli, in pieno centro, singolare monumento alla maleducazione

«Mi piacerebbe proprio sapere come hanno fatto». A domandarsi come si sono organizzati i vandali-acrobati è un residente che, passando sotto i portici di via Tinelli, nella zona del centro dove ha sede anche la biblioteca, ha notato per caso oltre una ventina di mozziconi di sigarette, attaccati sul plafond, con gomme da masticare o qualche altro “collante”. Insomma, una sorta d’installazione emblema della maleducazione che ha suscitato una certa curiosità tra i passanti, ma soprattutto una naturale indignazione nel vedere l’insolito imbrattamento.

In una zona dove si erano già registrati problemi in particolare legati a schiamazzi notturni, da parte di gruppi di giovani che si ritrovano alcune volte nelle vicinanze, e a situazioni di degrado urbano.

«A dire il vero, passando di lì capita spesso di sentire un po’ di puzza ma, da quel che ho visto, le pulizie urbane vengono comunque effettuate regolarmente – è la riflessione dell’uomo – dando un’occhiata una volta al soffitto, mi è capitato appunto di vedere le sigarette, che sembrano essere state svuotate dal tabacco in precedenza contenuto, in qualche modo appiccicate. Mi sono quindi chiesto come sia stato possibile fare una cosa del genere».

Il soffitto si trova ad un’altezza di circa quattro metri da terra: i vandali - acrobati si devono essere dati veramente molto da fare per riuscire realizzare il proprio progetto, con il rischio probabilmente anche di cadere e di farsi male.

In questa sezione apparirà il servizio gratuito di http://www.3bmeteo.com


© 2009 Proloco Lurate Caccivio :: P.IVA 02218260137 :: Sito web realizzato da Casalegno Marco
Powered by TXP - Admin

Tutte le informazioni e le immagini sono rilasciate sotto licenza secondo la Creative Commons License 2.0.